Musica Classica: Mozart

La Musica classica mantiene sin dalla sua comparsa, un’aura di misticismo inevitabile. Nata nell’XI secolo si estende fino all’età contemporanea riferendosi alla musica colta, sacra e profana, appartenente alla cultura occidentale.

La prima indicazione di musica classica appare agli inizi del XIX secolo e fa riferimento alla musica colta europea e viene utilizzata per sottolineare il periodo che va  da Johann Sebastian Bach a Beethoven, passando per Mozart e Händel.

Caratteristica preminente di questo tipo di musica è l’abbandono della tradizione orale e l’introduzione di un sistema di notazione musicale. E’ da questo momento in poi che prende spazio l’esecuzione del repertorio scritto ove il compositore impone una propria volontà che viene rispettata anche se interpretata dagli esecutori, sempre nei limiti della composizione stessa. Non ci sono più dunque, modifiche arbitrarie alla composizione.

Tra i compositori più notevoli della musica classica non può non essere citato Wolfgang Amadeus Mozart (Salisburgo, 27 gennaio 1756 – Vienna, 5 dicembre 1791) a cui è universalmente riconosciuta la creazione di composizioni di straordinario valore artistico.

Mozart è senza dubbio uno dei geni assoluti della storia della musica, molto precoce, iniziò a comporre all’età di 5 anni, morendo appena 30 anni dopo all’età di 35 anni.

La sua produzione musicale influenzò tutta la musica a seguire, da quella sinfonica a quella da camera passando per le opere. Fu definito, per questa sua trasversalità nei generi, “il compositore più universale nella storia della musica occidentale”.

Il compositore fu precoce in tutto, tanto da essere stato il primo ad intraprendere una carriera da libero professionista, una volta svincolatosi dalla servitù feudale.

Insieme a Franz Joseph Haydn e Ludwig van Beethoven costituisce la triade della scuola di Vienna.

Secondo una leggenda, la musica di Mozart produrrebbe effetti benefici nell’organismo umano e negli animali fino ad arrivare addirittura agli effetti benefici nella fermentazione del vino. A confermare la “leggenda” esistono sono moltissimi studi scientifici che hanno avvalorato tali indicazioni.

Mozart ha composto musiche per opere teatrali, per messe sacre, litanie e vespri, sinfonie, sonate per pianoforte e ha all’attivo centinaia di concerti e composizioni strumentali di vario genere.

Successivo Gravidanza: i sintomi iniziali per capire se si aspetta un bambino